Estate (7)

L’erba e’ alta ormai lo so
e dovrei potare il melo
quanta polvere c’e’
dentro casa e’ tutto un velo
la cucina guarda che cos’e’
quanti piatti sporchi da lavare
e mia madre sempre qui
che ripete
non lasciarti andare
e la gente intorno a me
come un gufo vuole guardare
ma di strano cosa c’e’
questa casa ha visto amore
oggi vede un uomo che muore
oggi vede un uomo che muore

la poltrona a fiori
e’ vecchia oramai
quello strappo e’ da cucire
ho la barba lunga come tu la vuoi
ed ho voglia di morire
un panino una birra e poi
la tua bocca da baciare
e la fiamma si alza
ancora dentro me
questa casa e’ tutta
da bruciare
questa casa e’ tutta
da bruciare
questa casa e’ tutta
da bruciare

Dik Dik “Vendo casa”, 1971.

Estate (6)

Fermi a un passaggio a livello
Mi hai parlato di te
In un modo che io non conoscevo,
Piano mi hai sfiorato una mano
Sussurrando parole dimenticate.

Ma in un baleno
è schizzato via il treno
Abbiam smesso di guardarci
Poi mi hai chiesto se era un merci.

Torna a parlarmi di te
A parlare del cuore,
Delle cose dimenticate.
No: mi hai guardato ridendo
Sei rimasta lì muta
Muta come ti ho conosciuta.

Luigi Tenco “Passaggio a livello”, testo di Jannacci, 1961.

Estate (5)

Paese mio che stai sulla collina
disteso come un vecchio addormentato
la noia l’abbandono il niente
son la tua malattia
paese mio ti lascio e vado via
che sara’ che sara’ che sara’
che sara’ della mia vita chi lo sa
so far tutto o forse niente
da domani si vedra’
e sara’ sara’ quel che sara’
amore mio ti bacio sulla bocca
che fu la fonte del mio primo amor
ti do l’appuntamento
come e quando non lo so
ma so soltanto che ritornero’
che sara’ che sara’ che sara’
che sara’ della mia vita chi lo sa
con me porto la chitarra se
la notte piangero’
e una nenia di paese suonero’
gli amici miei son quasi tutti via
e gli altri partiranno dopo me
peccato
perche’ stavo bene in loro compagnia
ma tutto passa tutto se ne va
che sara’ che sara’ che sara’
che sara’ della mia vita chi lo sa
so far tutto o forse niente
da domani si vedra’
e sara’ sara’ quel che sara’
che sara’ che sara’ che sara’
che sara’ della mia vita chi lo sa
so far tutto o forse niente
da domani si vedra’
e sara’ sara’ quel che sara’

I ricchi e poveri “Paese mio (che sarà), 1971.