Inverno (9)

Seguir con gli occhi un airone sopra il fiume e poi

ritrovarsi a volare

e sdraiarsi felice sopra l’erba ad ascoltare

un sottile dispiacere

E di notte passare con lo sguardo la collina per scoprire

dove il sole va a dormire

Domandarsi perché quando cade la tristezza

in fondo al cuore

come la neve non fa rumore

Lucio Battisti “Emozioni”, 1970.

Un libro (91)

Guillaume Geneste “Le tirage à mains nues” Lamaindonne éditeur (2020).

“Bernard Plossu note souvent sur les pochettes de film des indications d’ordre sensoriel comme “fin d’une journée en Espagne”; “à tirer blanc, très blanc, rempli de soleil”; “très tot le matin en été”…”

Inverno (8)

Vanno
Vengono
Ogni tanto si fermano
E quando si fermano
Sono nere come il corvo
Sembra che ti guardano con malocchioCerte volte sono bianche
E corrono
E prendono la forma dell’airone
O della pecora
O di qualche altra bestia
Ma questo lo vedono meglio i bambini
Che giocano a corrergli dietro per tanti metriCerte volte ti avvisano con un rumore
Prima di arrivare
E la terra si trema
E gli animali si stanno zitti
Certe volte ti avvisano con rumoreVengono
Vanno
Ritornano
E magari si fermano tanti giorni
Che non vedi più il sole e le stelle
E ti sembra di non conoscere più
Il posto dove stai

Fabrizio De Andrè “Le nuvole”, 1990.

La valle Erro vista da Castelletto d’Erro (AL).

Inverno (7)

Amìala ch’â l’arìa amìa cum’â l’é 
Amiala cum’â l’aria ch’â l’è lê ch’â l’è lê 
Amiala cum’â l’aria amìa amia cum’â l’è 
Amiala ch’â l’arìa amia ch’â l’è lê ch’â l’è lê Guardala che arriva guarda com’è com’è 
Guardala come arriva guarda che è lei che è lei 
Guardala come arriva guarda guarda com’è 
Guardala che arriva che è lei che è lei Nera che porta via che porta via la via 
Nera che non si vedeva da una vita intera così dolcenera nera 
Nera che picchia forte che butta giù le porte Nu l’è l’aegua ch’à fá baggiá 
Imbaggiâ imbaggiâ Non è l’acqua che fa sbadigliare 
(ma) chiudere porte e finestre chiudere porte e finestre Nera di malasorte che ammazza e passa oltre 
Nera come la sfortuna che si fa la tana dove non c’è luna luna 
Nera di falde amare che passano le bare Âtru da stramûâ 
 nu n’á â nu n’á Altro da traslocare 
Non ne ha non ne ha Ma la moglie di Anselmo non lo deve sapere 
Ché è venuta per me 
È arrivata da un’ora 
E l’amore ha l’amore come solo argomento E il tumulto del cielo ha sbagliato momento 
Acqua che non si aspetta altro che benedetta 
Acqua che porta male sale dalle scale sale senza sale sale 
Acqua che spacca il monte che affonda terra e ponte

Fabrizio De Andrè “Dolcenera” tratto dall’album “Anime salve”, 1996.