Primavera (4)

Il treno, ah, un treno è sempre così banale se non è un treno della prateria
O non è un tuo “Orient Express” speciale, locomotiva di fantasia
L’aereo, ah, l’aereo è invece alluminio lucente, l’aereo è davvero saltare il fosso
L’aereo è sempre “The Spirit of Saint Louis”, “Barone Rosso”
E allora ti prende quella voglia di volare che ti fa gridare in un giorno sfinito
Di quando vedi un jumbo decollare e sembra che s’ innalzi all’infinito

Francesco Guccini “Argentina”, 1983.

Primavera (2)

lupo ululì, castello ululà

Il traduttore italiano di Frankenstein Junior è un autentico genio!
Nella versione originale del film, la leggendaria lupo ululì, castello ululà è un’insipida battutina che passa quasi inosservata

Inga: Werewolf!  (un lupo mannaro!)
Dr Frankenstein: Werewolf?  (un lupo mannaro?)
Igor: There.  (di là)
Dr Frankenstein: What?  (cosa?)
Igor: There, wolf. There, castle. (lupo di qua, castello di là)

Tratto da palbi.blogspot.com

Primavera (1)

È quasi giorno ormai 
e non ho tra le braccia 
che il ricordo di te 
ma è tardi devo correre 
non c’è tempo per piangere 

Salgo sopra un autobus 
mentre guardo la gente 
mi domando perché 
mi sembrano tante nuvole 
che nascondono te 

È il primo giorno di primavera 
ma per me è solo il giorno 
che ho perso te…

Dik Dik “Il primo giorno di primavera”

Sarà pericoloso??